Austria: i siti di gambling dovranno rimborsare 30 anni di perdite ai giocatori?

Austria: i siti di gambling dovranno rimborsare 30 anni di perdite ai giocatori?

La legge che è in discussione in Austria ha fatto decisamente venire le vertigini agli operatori del gioco che agiscono in modo illegale nel paese. La proposta infatti è quella di obbligarli a restituire ai giocatori austriaci le perdite ottenute nel corso di ben 30 anni.

La bozza di proposta è stata svelata dal Ministro delle Finanze austriaco, Hartwig Löger, ed è un emendamento al Gambling Act che dovrebbe proteggere il monopolio online Win2Day, che è per il 30% di proprietà statale, dalla concorrenza internazionale. Sempre secondo il Ministro, sono circa 2000 i siti con licenza internazionale, ma non autorizzati dall'Austria, che accettano giocatori austriaci.

Secondo lui, questi operatori che hanno agito illegalmente nel paese dovrebbero non solo essere bloccati, ma addirittura restituire tutti i soldi spesi dai giocatori austriaci fin dall'alba di internet. Lo scopo del Ministro è soprattutto quello di allontanare questi operatori e fare in modo che taglino i ponti con i giocatori del suo paese. Se ci riuscirà o meno, lo vedremo.

SULL'AUTORE

Appassionata di giochi da sempre, ora ha finalmente la possibilità di scriverne e discuterne con altri appassionati come lei. Ama leggere, divertirsi e se la cava a smanettare col pc. Gioco preferito: la roulette!

Lascia un commento

  • Casinò
  • Giochi
  • Software
  • Pagamenti
X