Il New Jersey in prima fila contro i Google Glass nei casinò

Il New Jersey in prima fila contro i Google Glass nei casinò

Le autorità incaricate di regolamentare le attività di casinò nel New Jersey, tradizionalmente meno attive rispetto ai loro omologhi di altri Stati, sono sorprendentemente in prima linea contro l'uso dei Google Glass nei casinò terrestri. In una decisione che crea un importante precedente, i regolatori hanno concesso ai casinò di Atlantic City il permesso di bannare l'uso degli ormai famosi occhiali di Google, che permettono di scattare foto, filmare video o navigare su Internet attraverso minuscoli wireless computer e telecamera.

Non è un caso che i bari dei casinò abbiano immediatamente capito che questo nuovo apparecchio di alta tecnologia offre loro enormi possibilità di guadagni, magari con l'aiuto di complici, per esempio spiando le mani di poker di un avversario o contando le carte al blackjack. La New Jersey Division of Gaming Enforcement, invece di perdersi in lungaggini burocratiche, ha invece rapidamente deciso di diventare la prima autorità regolatoria a dare via libera ai casinò che comprensibilmente hanno chiesto di poter bannare questi marchingegni dai loro locali. Gli stabilimenti potranno espellere i "giocatori" che rifiuteranno di togliere i Google Glass.

I casinò della catena Caesars Entertainment Corp. (inclusi i famosi casinò Bally’s, Caesars, Harrah’s Resort e Showboat di Atlantic City) hanno già totalmente bannato i Google Glass, spiegando la decisione con il fatto che le leggi federali non consentono l'uso di un computer durante il gioco al casinò e che in alcuni stati l'infrazione è considerata un crimine passibile di arresto.

Viviamo in un'epoca che purtroppo offre infinite possibilità tecnologiche a chi vuole commettere un crimine. I bari dei casinò non sono nuovi all'uso di marchingegni sofisticati per arricchirsi indebitamente. Ma provare in tribunale al di là di qualsiasi dubbio l'intenzione di usare questa tecnologia per barare può diventare problematico e le conseguenze legali potrebbero essere molto complesse e contraddittorie per i casinò che sorprendono un baro "al lavoro": questa decisione del New Jersey taglia la testa al toro e permette ai casinò di impedire l'ingresso del discusso apparecchio e di rassicurare così i giocatori onesti riguardo alla regolarità dei giochi in corso.

Invece, noi giocatori dei casinò online siamo tranquilli: i nostri avversari possono usare i Google Glass, se vogliono. Il sistema che usiamo noi e nel quale riponiamo una giustificata fiducia ci mette al riparo da tutte le problematiche che invece infestano i casinò terrestri, ed è meglio così.

 

SULL'AUTORE

Fresca di laurea (in giornalismo, ovvio) e strenuo difensore dei diritti civili di fauna, flora e di tutti i giochi su Internet, Veronica divora quotidianamente tutte le notizie sul gambling e sui casinò in Italia e nel mondo. Prima ancora che succeda qualcosa nel frenetico universo dei casinò online, Veronica è già sul pezzo e ha sempre qualcosa da ridire...

Lascia un commento

  • Casinò
  • Giochi
  • Software
  • Pagamenti
X