Chiude il casinò di Campione d’Italia

Campione d'Italia Casinò municipaleA Campione d'Italia, la piccola enclave italiana in territorio svizzero, forse si è conclusa un'epoca. Il 27 di luglio, infatti, lo storico casinò – uno dei 4 casinò di terra legali in Italia – ha chiuso i battenti. Si dice, mentre alcuni giocatori stavano ancora facendo le loro puntate ai tavoli.

Da tempo, la grande sala da gioco era in condizioni economiche molto precarie, a causa dei moltissimi debiti. L'immenso edificio di 9 piani è risultato troppo costoso per il flusso di denaro giunto nelle sue casse, notevolmente falcidiato dalla crisi e dalla legalizzazione dei casinò online (avvenuta nel 2011).

Sono stati molti i tentativi per mantenere aperta la sala da gioco, ma nessuno ha dato i frutti che i dipendenti e gli abitanti del piccolo paese in provincia di Como speravano. Qui, 2000 persone vivono tutte, chi direttamente e chi indirettamente, grazie al casinò. La chiusura porta a 500 licenziamenti e a un futuro molto incerto per la comunità.

Ora, in molti si chiedono se in seguito del Decreto Dignità, che proibisce ogni tipo di attività promozionale per le compagnie del mondo del gioco d'azzardo – online, bookmaker, lotterie, ecc – i vecchi casinò tradizionali possano vivere una seconda primavera. Chi lo sa, staremo a vedere.

SULL'AUTORE

Appassionata di giochi da sempre, ora ha finalmente la possibilità di scriverne e discuterne con altri appassionati come lei. Ama leggere, divertirsi e se la cava a smanettare col pc. Gioco preferito: la roulette!

Lascia un commento

  • Casinò
  • Giochi
  • Software
  • Pagamenti
X