La nostra intervista esclusiva con alcune delle più grandi donne del gaming

L'industria del gioco d'azzardo online ha molte team leader donne che hanno contribuito al successo delle loro compagnie. In onore della Festa della Donna abbiamo fatto una speciale intervista multipla con alcune delle maggiori esperte dell'industria dell'iGaming e vincitrici del premio WiG (Women in Gaming). Abbiamo posto a ciascuna di loro le stesse cinque domande e siamo ora felici di farvi leggere i pensieri e le opinioni di queste grandi professioniste, che sono davvero delle leader nel loro campo.

Introduzione

 

Ebba ArnredEbba Arnred (CMO di Play'n GO): Ho cominciato a lavorare nell'industria così tanto tempo fa che non voglio ricordare esattamente quanto, quando i CD ROM erano moderni! Sono entrata a Play'n GO nel 2006, e lavoro per questa azienda da allora, come Chief Marketing Officer.

 

Lydia BarbaraLydia Barbara (Head di Pegasus Gaming Solutions [Microgaming]): Attualmente gestisco il settore consulenze, Pegasus Gaming Solutions, di Microgaming, sull'Isola di Man. Lavoro nel mondo del gaming online da quasi 13 anni.

 

Mel CamilleriMel Camilleri (Direttrice del Servizio di William Hill): Sono estremamente organizzata, motivata e assertiva; devo sempre raggiungere i miei obiettivi e mi applico con dedizione a ogni compito. Lavoro con i miei team, portando un alto livello di commercialità combinata con la mia energia positiva, allo scopo di ottenere performance superiori e raggiungere obiettivi operativi. Come estensione di questo, amo aiutare gli altri a crescere e a raggiungere i propri scopi, e festeggiare con loro il successo.

Caroline KlytseroffCaroline Klytseroff (Senior Affiliate Manager di Hero Gaming): Mi sono trasferita a Malta 3 anni fa dalla Svezia e lavoro nell'industria dell'iGaming fin dal primo giorno, avanzando in un grande numero di aree diverse, a partire dal Supporto Clienti fino a diventare Senior Affiliate Manager.

 


 

1. Come hai cominciato a lavorare nell'industria e come sei arrivata alla tua attuale posizione?

Arnred: Ho un'esperienza molto ampia, cominciata nel 2000 come assistente al marketing al Gold Club Casino, che all'epoca era operato da Boss Media. Andando avanti, ho lavorato come manager per il siti di casinò, poker e bingo. Con quell'esperienza, sono passata al lato provider e ho lavorato per molti anni come Key Account Manager. È in questa circostanza che ho incrociato la strada di Play'n GO. Ero la loro prima cliente, in effetti. Allora i prodotti per casinò erano molto goffi ed erano solo disponibili per il download. Ma Play'n GO era un'azienda con prodotti molto avanzati ed è stata uno dei primi fornitori a offrire un set completo di prodotti in Flash. Mi hanno chiesto di unirmi a loro e l'ho fatto nel 2006. Ho fatto carriera fino a diventare Chief Marketing Officer e quest'anno festeggerò i miei dieci anni in questa compagnia. Sono felice di dire che stiamo continuando a innovare. Abbiamo introdotto HTML 5 nel 2011 e siamo ancora uno dei pochi fornitori che pubblicano i giochi in simultanea.

Barbara: Nel 2003, ho cominciato a giocare a poker per lavoro. È una vita dura, però, e dopo un po' di tempo volevo spostarmi verso la parte manageriale del gioco. Con una mossa che ancora oggi mi sembra fortuita, una compagnia di Malta mi ha assunta e mi ha fatta trasferire oltre Atlantico, dagli Stati Uniti, per permettermi di cominciare la mia nuova carriera. Da allora non mi sono mai guardata indietro.

Camilleri: Ho cominciato a inserirmi nell'industria per prima cosa prendendomi il tempo di capire il settore del gioco, lavorando coi miei pari, comprendendo il mio team e quello di cui i clienti avevano bisogno da noi. Le strategie e le tattiche che funzionavano in passato sono meno efficaci e richiedono un maggiore sforzo per andare a buon fine. In un'epoca in cui il servizio è diventato un fattore fondamentale per i clienti, dobbiamo trovare un equilibrio unico tra l'adempimento di un servizio, il costo dell'adempimento e le aspettative dei clienti. Ho speso molto tempo per assicurarmi di avere il team giusto per portare avanti la nostra strategia sul lungo termine. Ora ho il team perfetto.

Per rispondere alla domanda su come sono arrivata a questa posizione, volevo cambiare rispetto al settore consulenza e volevo lavorare per William Hill. Dopo aver preso una ferma decisione, ho inviato al CEO il mio curriculum e l'ho accompagnato con una lettera di presentazione. Dopo diverse conversazioni con gli azionisti senior, ho ricevuto l'incarico per dirigere il settore Service Delivery per il comparto online. Ho un ruolo esaltante e pieno di sfide qui a William Hill, ruolo che mi piace perché amo le sfide e ne ho sempre dovute affrontare molte nei miei ruoli precedenti. Voglio imparare molte cose nuove per continuare a crescere personalmente e con i miei team. Gli incarichi che ho avuto mi hanno dato tutto questo.

Klytseroff: All'inizio pensavo che l'ambiente fosse molto dominato dagli uomini, e tuttavia questo è cambiato in maniera graduale nel tempo e non ha influenzato il progredire della mia carriera. Ora sono arrivata al ruolo di Senior Affiliate Manager.


 

2. Chi o che cosa ti ispira e perché?

Camilleri: Sono una persona molto competitiva, quindi dimmi che non posso fare qualcosa e questo mi ispirerà ad agire. Mi sento motivata dal desiderio di comprendere come le cose funzionano e mi piace applicarmi per scoprire come i sistemi e i processi possono essere raffinati per un beneficio commerciale e dei clienti.

Klytseroff: Non mi ispiro realmente a una persona ma più a diverse aree come la famiglia, gli amici e le persone che cercano di fare la differenza in un modo o in un altro.

Arnred: Amo la sensazione che quasi tutto sia possibile, ecco quello che provo in questo ruolo e in questa compagnia. Mi sento sempre ispirata dal lavoro con persone fantastiche, come quelle che siamo fortunati ad avere a Play'n GO, e dal fatto di essere in una compagnia che è all'avanguardia nell'industria. Siamo cresciuti fino ad impiegare quasi 100 persone negli ultimi anni e abbiamo un favoloso team all'opera, che continua a proporre nuovi concetti che catturano l'immaginazione dei nostri clienti e dei loro giocatori e che sono realmente innovativi. È molto semplice, ma è quello che mi fa uscire dal letto al mattino.

Barbara: Nei miei anni nell'industria, ho scoperto che mi piace prendere un'idea e trasformarla in qualcosa di tangibile. Adoro costruire cose e portarle al successo.


 

3. Quale pensi che sia fino ad ora il risultato più importante nella tua carriera?

Barbara: Mentre ero a capo del settore poker di Microgaming, abbiamo cominciato a vincere premi per il nostro software e il nostro network, e quel trend continua anche ora, nonostante si tratti di un campo incredibilmente competitivo. Mi sono anche sentita lusingata quando ho vinto il premio Rising Star l'anno scorso ai Women in Gaming Awards. Ma davvero, sono felice ogni volta che completo un altro progetto con successo.

Camilleri: Sono riuscita a ottenere molti risultati di cui sono molto fiera. Ne ho sottolineati alcuni che hanno portato a un significativo miglioramento delle performance e alla gestione di programmi complessi multipli, per migliorare l'esperienza dei clienti. Tra questi ci sono:

  • Come Capo del Servizio Clienti di GM Europe, ho spostato le operazioni di assistenza ai clienti in 6 delle migliori location (più di 2000 agenti e 37 lingue) mantenendo tutti gli indicatori chiave di prestazione attraverso timeline di transizione aggressive.
  • Ho Costruito un centro di contatto per business di Consulenza in Africa e ho superato tutti i target finanziari fin dal primo anno.
  • Ho venduto e consegnato con successo il lancio di VIVA, una nuova compagnia di telecomunicazioni in Bahrain di proprietà del STC Group. Nel processo ho ottenuto risultati come il setup della sede, il reclutamento e la formazione di 200 agenti, il lavoro con il Governo del Bahrain e i fornitori di terza parte, ecc. Ho consegnato in tempo, senza eccedere nei costi e con la qualità richiesta.
  • Sono stata mentore per molte persone nel corso della mia carriera, e tutte ora detengono posizioni senior all'interno di compagnie blue chip.
  • Oltre a tutto questo, un altro grande risultato raggiunto nella mia carriera è stato vincere il Premio “Ispirazione dell'Anno” alla sesta edizione dei Women in Gaming Awards, l'anno scorso. È stata una grande sorpresa e un vero onore vincere un premio così prestigioso, un premio che si trova orgogliosamente nel mio ufficio e che spero sia di ispirazione per i membri del mio team.

Klytseroff: Il mio risultato più importate deve essere il premio che ho ricevuto di recente come “Manager Affiliate dell'Anno” ai “Women in Gaming Awards” e, incrociando le dite, ci saranno altri premi nella mia carriera!

Arned: Oltre a essere in riuscita a crescere due fantastici figli continuando a lavorare, il mio più grande risultato è assolutamente essere parte del team senior management di Play'n GO e aiutare la mia compagnia a crescere su un livello globale. Questo è stato molto soddisfacente. Stiamo facendo enormi progressi in diversi nuovi territori, come l'Italia, e in nuove aree come l'Asia e l'America Latina. Con il duro lavoro – e il desiderio di fare da guida invece di essere guidati – ci siamo costruiti una reputazione eccellente e ora abbiamo un elenco di clienti impressionante, con moltissimi grandi nomi. È fantastico lavorare per una grande compagnia con grandi piani, ma vedere quei piani che danno brutti mi da un grande senso di soddisfazione.


 

4. Quale consiglio daresti ad altre che stanno appena cominciando a farsi strada nell'industria?

Klytseroff: Non lasciatevi intimidire dall'ambiente. È un industria divertente e vibrante, che permette alle persone giovani di diverse provenienze di avere successo e di fare in breve tempo delle esperienze che sarebbe più difficile fare in altre industrie.

Arned: Non prendete scorciatoie e non compromettete la qualità e il servizio. Se lo fate, verrete scoperte. Anche se state solo muovendo i primi passi nell'industria o se il vostro prodotto è nuovo sul mercato, dovete sforzarvi di essere il meglio e lavorare più duramente degli altri per avere successo. Siamo oneste, ci sono molte persone che, in superficie, sembrano fare quello che noi facciamo a Play'n GO. Ma se si guarda sotto la superficie dei nostri giochi e si esaminano i livelli di servizio che forniamo, allora non ci sono molti che possono competere. Non è fortuna: è duro lavoro.

Camilleri: Prendetevi il tempo per imparare e condividere ciò che avete imparato. Credo che, a prescindere da quale sia l'industria in cui si lavora, occorra sempre cercare un punto di differenziazione competitiva. Per molte, è il servizio clienti che permette di competere con successo in questo mercato che matura rapidamente. Inoltre, l'industria sta arrivando a capire che il servizio clienti può essere più che solo un fattore di costo; può essere un significativo generatore di profitto.

Barbara: Nell'industria del gioco online le persone che hanno voglia di lavorare duro e che hanno ambizione possono arrivare in alto, senza limiti. Si tratta di un'industria ancora relativamente nuova, e le persone che si incontrano oggi potrebbero essere le persone con le quali si lavorerà domani. A causa di questo, scoprirete che essere rispettose e professionali sono due qualità che vengono tenute in altissima considerazione e che vi saranno molto utili sul lungo termine.


 

5. Quale pensi che sia la più grande barriera per le donne nell'industria, oggi? Come pensi che questa barriera possa essere superata?

Camilleri: Sostengo e incoraggio fortemente le donne a continuare a credere che stanno facendo la differenza e ad avere fiducia nella loro capacità di trasformare le avversità in opportunità di apprendimento. Continuare a costruire relazioni con gli sponsor e con altri, e avere la voglia di andare al di fuori della propria comfort zone e sfidare lo status quo, sono tutti elementi importanti per creare l'energia positiva che proviene dall'amare il proprio lavoro.

Arnred: Penso che parlare di barriere non sia di grande aiuto, se devo essere onesta. Penso che ci siano sempre più donne nel mondo del gaming e delle scommesse, e l'industria sta migliorando per questo. Ci sono donne in ogni settore di Play'n GO e non vediamo il genere di una persona come un fattore e non lo consideriamo neppure interessante. Reclutiamo e ci assicuriamo di costruire fantastici team che ispirano e fanno scattare nuove idee nei loro membri. Il talento è l'unica cosa necessaria e mi piacerebbe pensare, oggi e in questa epoca, che sia la stessa cosa da altre parti. Se non lo è, e avete tonnellate di energia e di idee e siete pronte a lavorare duramente, allora venite e unitevi a noi!

Barbara: Anche se le cose stanno migliorando, le donne sono ancora una minoranza nella nostra industria, specialmente nella tecnologia e nei ruoli di management superiori. Una volta che si comincia a raggiungere i livelli di management nella nostra industria (e in molte altre industria, per essere corretta), spesso si scopre di essere l'unica donna presente ai meeting o ai tavoli delle conferenze. Quando accade, ricordatevi che state rappresentando tutte le donne. E allora, come sempre, fate del vostro meglio.

Klytseroff: Penso che la barriera più grande per le donne nell'industria sia che, attualmente, la maggioranza delle posizioni di livello C sono tenute da uomini, una cosa che può intimidire le giovani donne che cercano di farsi strada nel campo. Penso che questa barriera stia venendo gradualmente superata, mentre un numero sempre crescente di donne di successo comincia a salire ai livelli più alti dell'industria.

 

SULL'AUTORE

Appassionata di giochi da sempre, ora ha finalmente la possibilità di scriverne e discuterne con altri appassionati come lei. Ama leggere, divertirsi e se la cava a smanettare col pc. Gioco preferito: la roulette!

Lascia un commento

  • Casinò
  • Giochi
  • Software
  • Pagamenti
X